Diabolik Ingoglia: storia editoriale

Nel Novembre 1962 esordisce nelle edicole il primissimo numero di Diabolik, “Il Re del Terrore”. La distribuzione è affidata alla piccola ditta meneghina “Diffusione Nazionale G. Ingoglia“, che lo fa arrivare principalmente nelle edicole delle stazioni, e non in tutte le città. Ingoglia distribuirà il fumetto per i primi 17 numeri: nel Giugno 1964 il compito passa alla “SO.DI.P“, azienda in grado di fornire una maggiore diffusione dell’albo, che nel frattempo è aumentato di popolarità. Con questo passaggio inizia anche una prima ristampa dei 17 numeri già editi. Abbiamo quindi sia una versione Ingoglia che una SODIP dei primi albi (tranne che del numero 15, che esiste solo in versione Ingoglia perchè non fu necessaria una ristampa). Gli albi si ristampavano secondo necessità, non ci sono quindi datazioni certe delle diverse ristampe in questa prima fase, giacché non sono differenziate nemmeno dalla data.

Esiste inoltre anche una riedizione Ingoglia del 1963 del primo numero, con alcune differenze sulla copertina rispetto alla prima edizione. Lo sfondo dell’illustrazione è giallo, ed il prezzo è segnato in modo diverso. Su entrambe le versioni a distribuzione Ingoglia la copertina è disegnata dal fantomatico Zarcone, su quelle SODIP verrà ridisegnata da Marchesi.

Diabolik Ingoglia 1963

Rispetto ai Diabolik Ingoglia, i SODIP presentano graficamente poche differenze, ad eccezione dei primi due numeri, le cui copertine vengono ridisegnate. Inoltre nel primo numero è diversa anche la terza di copertina, che può contenere pubblicità o barzelletta. La differenza sostanziale è nel tipo di carta utilizzata per la stampa: si tratta di  una carta più spessa ed opaca per la prima tiratura, e successivamente una carta più lucida e sottile.

Diabolik Ingoglia: valore dei fumetti della prima serie

I Diabolik da 1 a 17 in prima edizione distribuiti da Ingoglia sono naturalmente i più difficili da trovare, data la tiratura limitata, in particolare i primi 6 numeri ed il 15. Inoltre per quanto riguarda le due edizioni del primo numero distribuite da Ingoglia, è meno comune il fumetto del 1963 rispetto a quello del 1962. Sarebbe forse più corretto parlare di costi più che di rarità. In effetti più o meno tutti gli albi di Diabolik sono disponibili presso molti rivenditori e anche su ebay, ma i prezzi sono piuttosto alti, senza contare le richieste fuori mercato.

La vera difficoltà è invece reperire questi albi in condizioni da edicola, stato che ne fa alzare il valore.

Possiamo dare una valutazione di massima degli Ingoglia, tenendo conto che i prezzi sono molto variabili e lo stato di conservazione influisce enormemente sulla stima.

Il primo numero “Il Re del Terrore” in discrete condizioni vale intorno ai 2000 euro, mentre la ristampa Ingoglia del 1963, sebbene sia più rara è meno richiesta, e si trova a meno della metà. Per quanto riguarda gli altri numeri, quelli più comuni si trovano a partire da 50 euro, il valore sale se le condizioni sono ottime o da edicola. Quelli di più difficile reperibilità li possiamo trovare a partire da 100 euro.

Possiamo trovare praticamente tutti i numeri della distribuzione Ingoglia con facilità: tra fumetterie e piattaforme di vendita on line non ci sono problemi di disponibilità.

Se non abbiamo fretta di completare la nostra collezione, il suggerimento è quello di provare partecipare alle aste on line. Spesso si riesce a concludere dei buoni affari, spuntando un prezzo inferiore a quello richiesto dai venditori professionisti.