Fumetti Diabolik: vendita, valutazione e prezzi. La storia dell’inafferrabile criminale creato dalle sorelle Giussani

Diabolik fumetto nasce nel 1962 (data di uscita del primo albo) in maniera abbastanza casuale. Leggenda narra, che le due sorelle Giussani, creatrici del personaggio, fossero costrette per motivi di lavoro a trascorrere intere giornate in treno o in stazione. Durante uno di questi lunghi tragitti, non avendo come impegnare il tempo, misero in moto la fantasia per distrarsi con qualcosa di creativo. Quasi per gioco decisero di creare un fumetto che parlasse di un ladro, un abilissimo ladro che aveva sempre la soluzione per qualsiasi cosa. Nasce così Diabolik, pubblicato dalla casa editrice Astorina.

Fumetti Diabolik rari, il re del terrore 1962 prima edizione Astorina

Uno tra i fumetti di Diabolik più rari, con molta probabilità il più raro in assoluto e che potrebbe essere considerato “il sacro graal” della serie, è il numero 1 di Diabolik dal titolo “Il re del terrore“, pubblicato dalla casa editrice Astorina. Si tratta del primo numero di questa lunga epopea che venne pubblicato nel novembre 1962 e recava in copertina il prezzo di 150 lire. La diffusione è Ingoglia (lo trovate riportato in seconda di copertina), un elemento che può rivelarsi determinante per l’eventuale acquisto o vendita, in quanto esiste anche con diffusione Sodip. Questo albo, col passare degli anni, è diventato un pezzo mitico per i collezionisti e per via della sua rarità e dell’importanza che riveste, è oggi particolarmente ambito. Nelle prime stampe de il Re del terrore, quelle dal valore maggiore, è assente la pagina introduttiva (splash page), elemento che fu rivisto già nelle successive edizioni. Il prezzo di 150 lire si trova all’interno di un cerchio e non di un rettangolo. La costa è blu. L’albo è inoltre di dimensioni più piccole rispetto a tutti gli altri. Nonostante il primo Diabolik non si facesse apprezzare per la qualità delle sue vignette (del disegnatore, tale Zarcone, non si seppe più nulla), il fascino del personaggio catturò immediatamente l’attenzione di molti ragazzi e ragazze che si innamorarono del fumetto. Il re del terrore venne dapprima distribuito in pochi esemplari (si stima circa 8000),e una volta esaurito fu subito ristampato.

Il valore di questo fumetto, sempre se tenuto secondo i requisiti che abbiamo citato nell’articolo “I fumetti topolino più rari” può raggiungere cifre molto importanti. Tuttavia, con un po’ di fortuna e se siete tipi che si accontentano di fumetti in condizioni “vissute”, potreste entrarne in possesso anche a cifre più economiche.
Vi raccomando però di fare attenzione ai falsi: il web pullula di falsi di Diabolik numero 1 venduti come originali ed è molto facile prendere un granchio. Affidatevi dunque a un collezionista esperto prima di acquistarlo, o provate a guardare l’albo più da vicino.

Distinguere un falso numero 1 da un originale

Il consiglio generale è quello di non acquistare mai un fumetto a cifre con 3 zeri senza il supporto di un amico collezionista che possa aiutarvi nella valutazione. Non tutti hanno questa fortuna. Ecco qualche “dritta” per autenticare un numero 1 di Diabolik qualora dovesse capitarvi fra le mani:
– Mettete l’albo in controluce: in copertina, sopra il titolo dovreste vedere una sorta di patina rossastra. Se non c’è, con molta probabilità si tratta di un falso.
– Sulla sommità di un paio di lettere del logo Diabolik in copertina, sono presenti delle piccolissime sbavature gialle.
– I capelli della donna, nella copertina del numero uno originale, hanno una sorta di “retino”. Se non sono retinati, quasi certamente la copia che avete davanti è falsa.
– Sempre in copertina, il mignolo della donna ha una patina azzurra (un originale difetto di stampa).
– La B del logo ha “quasi sempre” internamente una piccola “virgola” che nei falsi è assente. Il “quasi sempre” si rende necessario perché essendo la stampa di questo numero uno abbastanza “spartana”, perfino da due primi numeri originali possono esservi delle differenze.

Il re del terrore, ristampa del 1963

Questo è uno dei casi in cui una ristampa è più rara della prima edizione. Sembra infatti che la prima ristampa di Diabolik, distribuita per soddisfare la richiesta di chi non era riuscito ad accaparrarsi il fumetto in edicola, avesse una tiratura di circa la metà. Uscì a distanza di pochissimo tempo dalla prima, probabilmente nel gennaio 1963. La differenza con la prima edizione
è che è presente la Splash Page. La data in seconda di copertina è sempre il 1962, giacché questa prima ristampa venne fatta in fretta e furia. Impossibile azzardare stime precise su quanti esemplari ne siano stati stampati, ma a spanne dovremmo orientarci fra le 3000 e le 4000 copie. Sicuramente è il fumetto Diabolik più raro, anche se non il più ricercato.

Diabolik gadget e blisterati

Nel corso degli anni sono usciti 21 albi blisterati contenenti inserti o gadget. Fra questi, solo i primi 4 possono essere considerati rari. Sono i numeri:
– 14 anno IX con allegato il mitico portachiavi.
– 17 anno X con allegato un pupazzetto di plastilina raffigurante il personaggi.
– 20 anno X con allegato il poster di Diabolik.
– 17 anno XI con allegato una medaglia.

L’inafferrabile criminale

Il numero 2 di Diabolik si intitola “L’inafferrabile criminale” ed esce in edicola nel 1963, sempre con il prezzo di 150 lire in copertina. Questo secondo numero aveva una qualità superiore rispetto al primo e ciò potrebbe aver contribuito a una diffusione maggiore. Rispetto a Diabolik Numero 1 che ha un valore molto alto, il numero due, pur ben conservato, non raggiunge le stesse cifre e la buona riuscita della vendita dipende principalmente dalle condizioni dell’esemplare che è in vostro possesso.

L’arresto di Diabolik

L’arresto di Diabolik” è il terzo fumetto della serie Diabolik pubblicato nell’estate 1963 al costo di 150 lire. I fumetti di Diabolik iniziavano ad andare a ruba e così la casa editrice Astorina pensò di fare uscire un numero al mese, mentre inizialmente ne usciva una ogni tre mesi. Di edizione in edizione migliorava la parte grafica e le storie divenivano sempre più coinvolgenti, attirando di conseguenza un maggior numero di appassionati. Per la prima volta, in questo fumetto Diabolik incontra la sua compagna Eva Kant. Il valore economico dell’albo è inferiore ai precedenti, in quanto la tiratura si era già alzata.

Atroce vendetta

A un mese di distanza dall’arresto di Diabolik uscì “Atroce Vendetta” fumetto che metteva in mostra un Diabolik vendicativo e spietato nei confronti di Elisabeth, la precedente fidanzata del re del terrore. Dopo aver scoperto la vera natura di Diabolik, Elisabeth non regge il colpo e perde il senno, rifiutando di condividere la sua vita con un criminale. Diabolik così ordisce un piano malvagio facendo in modo che la donna impazzisca. Ma l’ispettore Ginko, il nemico di Diabolik, riesce a scoprire l’intrigo e prova ad acciuffarlo tendendogli una trappola. Il valore di questo fumetto è praticamente uguale al precedente, e vale quanto già detto sulle condizioni del fumetto e sulla scala di valutazione che riportiamo praticamente in ogni nostro articolo: edicola, ottimo, buono, accettabile.

Il genio del delitto

L’ultimo fumetto Diabolik  di cui parleremo, fiore all’occhiello in molte collezioni “complete” è “Il genio del delitto” nella sua versione senza la scritta “fine dell’episodio”, pubblicato sempre nel 1963. La versione meno rara e meno ricercata presenta invece la scritta nella pagina al termine dell’ultima storia. Questo numero 5 di Diabolik rappresenta un’eccezione, poiché è stato pubblicato in due versioni differenti, un evento che in questa prima serie (eccezione per le ristampe) non si è più verificato. Ne il genio del delitto Diabolik divide la scena con  Ginko, il quale è alle prese con una donna nei cui confronti prova una certa attrazione. Il valore di questo fumetto è praticamente identico a quello del Diabolik numero 4.

Valuta da noi il tuo fumetto o Vendi

Quelli che ho citato sono solo alcuni fra i fumetti Diabolik più rari, ambiti dai collezionisti, se avete altri tipi di fumetti (non soltanto di Diabolik), giocattoli o album di figurine, ma non conoscete il loro attuale valore di mercato scrivetemi e se mi sarà possibile vi fornirò le informazioni che desiderate, ricordando però di leggere il regolamento per le valutazioni. Se siete interessati a vendere i vostri fumetti potete ugualmente contattarmi per propormeli, indicando una base di prezzo orientativa alla quale desiderate cederli. Per conoscere la valutazione del vostro fumetto potete andare alla pagina valutazione fumetti o contattarmi direttamente alla mail infograffitiblog@gmail.com