cgc e fumetti americani

CGC e fumetti: come ricevere il grading e quanto costa il servizio

9 Maggio 2023

In questo articolo parleremo di grading di fumetti, scopriremo di cosa si occupa CGC e i parametri che utilizza per le sue stime. Spiegheremo inoltre, concretamente, come inviare un albo a questi esperti in modo da ottenere una valutazione. Se avete delle difficoltà potete contattarmi per aiutarvi a farlo, specifico però che non sono un dealer.
Ho fatto gradare alcuni miei comics e quindi conosco il procedimento, ma non potete pagarmi per farlo al vostro posto (come potete leggere accetto donazioni in giocattoli o fumetti che colleziono, non economiche!).

CGC e grading: perché alcuni fumetti sono dentro una teca e hanno un voto


Vi sarete imbattuti, su siti come Ebay.com o Heritage, in fumetti – quasi sempre americani – incapsulati all’interno di teche rigide e trasparenti. Sulla loro superficie, in alto, compaiono le specifiche dell’albo e un numero compreso fra 1 e 10: vi trovate al cospetto di un fumetto “gradato”.
Il voto è la valutazione attribuita da un’azienda che si chiama CGC (Certified Guaranty Company), basata sulle sue condizioni estetiche (carta, spille etc). Si tratta quindi di una metrica utile esclusivamente a fini collezionistici che non attribuisce un valore artistico all’opera. Non è solo CGC a poter rilasciare attestati di questo tipo, ma l’azienda con sede in Florida è la più rinomata al mondo nel settore dei comics. Gli albi così valutati, indipendentemente dalla valutazione ottenuta, vengono incapsulati e sigillati in questi contenitori rigidi, anti-umidità e antigas. Il proprietario del fumetto poi non potrà più toccarlo e non potrà sostituire il comic all’interno.
etichetta fumetti cgc
In questa etichetta, presa dal sito ufficiale, potete leggere tutti i riferimento all’albo incapsulato:
in grande c’è il voto (9.6), poi l’autore (Dikto), il titolo e il numero (Blue Beetle 1) e la casa editrice. Il bollino argentato è l’autentica di CGC.

CGC accetta anche i fumetti italiani?

In linea di massima si, ma vanno fatto alcune osservazioni. Come anticipato questa pratica è rivolta quasi esclusivamente ai comics americani.
Il grading è un fattore importantissimo negli Stati Uniti, molti grandi collezionisti gradano tutti i loro comics più importanti. In Italia ciò non succede: quanti Topolino incapsulati e con CGC vedete in vendita? Praticamente nessuno. Questo perché ancora da noi non si tende a collezionare i fumetti fuori dai case protettivi. Molto banalmente non è ancora “una moda” (di questo si tratta…). Io vi consiglio di inviare a CGC soltanto albi americani e con un buon valore economico, sempre ammesso che vogliate farlo (più avanti vedremo vantaggi e svantaggi).
Potreste inviare anche albi italiani di supereroi che hanno un buon valore all’estero, come la prima apparizione nel numero 105 di Devil di Ghost Rider, la prima di Galactus sul 44 dei Fantastici Quattro Corno o la prima italiana di Punisher sull’Uomo ragno. Ma soltanto perché questi fumetti hanno mercato negli Stati Uniti. In Italia esiste qualche azienda che offre servizi di grading, a cifre credo inferiori.

I punteggi assegnati da CGC

I punteggi assegnati vanno da 1 a 10 e sono i seguenti:
– 0,5: Il classico albo da recupero con pagine mancanti. La gradazione più bassa.
– 1.0: Non proprio da recupero ma quasi…
– 1.5: Sono presenti numerosi difetti maggiori.
– 1.8: Come sopra.
– 2.0: Come sopra, solo lievemente meno!
– 2.5: Sono presenti difetti moderatamente gravi ma in minor quantità.
– 3.0: Come sopra.
– 3.5: Come sopra, ma in minor quantità.
– 4.0: Numerosi difetti, non di maggiore entità.
– 4.5. Numerosi difetti, non di maggiore entità.
– 5.0 abrasioni, angolini smussati, difetti in costina, abbastanza marcati.
– 5.5: abrasioni, angolini smussati, difetti in costina non troppo marcati.
– 6.0: in buone condizioni, normalmente vissuto, con numerosi difetti d’uso ma senza danni maggiori.
– 6.5: in buone condizioni, in questa fascia iniziano a rientrare gli albi collezionabili.
– 7.0: in condizioni molto buone. il pezzo non è fresco, ma non presenta gravi difetti.
– 7.5: quasi ottimo, lievi difetti d’uso o di conservazione.
– 8.0: Ottime condizioni, lievi difetti d’uso o do conservazione.
– 8.5: Ottimo, lievi difetti d’uso.
– 9.0: Ottimo. presenta lievi difetti d’uso minori.
– 9.2: Più che ottimo, in prima analisi non notiamo difetti.
– 9.4: In Italia diremmo: ottimo / quasi edicola
– 9.6: in condizioni quasi perfette, con lievissimi difetti.
– 9.8: indica un livello di qualità altissima, forse il più alto se consideriamo che i successivi sono praticamente irraggiungibili.
– 9.9: indica un albo perfetto, è una valutazione quasi impossibile da trovare.
– 10: Cgc non rilascia praticamente mai il suo punteggio più alto.

Quanto costa fare gradare un fumetto con CGC

I prezzi vanno da un minimo di 25 dollari per gli albi meno importanti, fino a un massimo del 3% del valore dell’albo per i comics più rari e pregiati. Ci sono anche diverse opzioni nel mezzo, ad esempio un albo valutato 1000 dollari potrebbe costarvi circa 80 dollari. A questo dovrete aggiungere le spese di spedizione verso e da gli Stati Uniti.

Procedura passo passo per inviare i fumetti da valutare a CGC

* Per prima cosa andate sul sito di CGC e registratevi gratuitamente.
* Fatto ciò è necessario sottoscrivere una piano che vi darà i privilegi per inviare i vostri albi. Ogni piano ha un costo e privilegi differenti, il piano da 25 dollari annui è ottimo per iniziare (comunque potete fare upgrade quando vorrete).
* Selezionate quindi “submit form” e fate click sulla voce comics. Noterete altre opzioni: videogiochi, cards e posters cinematografici: questo perché CGC offre i suoi servizi anche ad altri collezionisti.
* Il form è in inglese me anche abbastanza intuitivo, dovete compilarlo inserendo le specifiche dei vostri comics. Potete scegliere fra due opzioni: “regular grading submission” o “signature series submission”. La prima opzione comprende qualsiasi albo, la seconda soltanto quelli autografati.
* Selezionate il metodo di spedizione.
* Selezionate il servizio. CGC, oltre al grading, offre anche altri servizi: restauri, Rivalutazioni di comics gradati da altre compagnie etc.
* Selezionate il costo del servizio. Le opzioni sono le seguenti:
– Modern. Comics successivi al 1975 con un valore dichiarato inferiore a 400 dollari. Pagherete 25 dollari.
– Economy. Comics di qualsiasi periodo il cui valore dichiarato non supera i 400 dollari. Pagherete 35 dollari.
– Standard. Valore dichiarato fino a 1000 dollari. Il costo è di 80 dollari.
– Express. Valore dichiarato fino a 3000. Il costo è di 150 dollari.
– Per i fumetti di qualsiasi valore esiste l’opzione walkthrough, il cui costo rappresentato dal 3% del valore stimato (minimo 150 dollari).
cgc form invio fmetti
* Inserite le specifiche del fumetto: titolo, numero, autore, casa editrice, anno, valore dichiarato.
Potete aggiungere all’ordine tutti i comics che volete (ogni fumetto va pagato singolarmente).

La spedizione

Dopo aver confermato l’ordine, selezionate le opzioni di spedizione. Di default CGC usa Fedex, ma potete scegliere voi il servizio che preferite.
COSA MOLTO IMPORTANTE:
la sicurezza della spedizione è responsabilità vostra, se per uno sciagurato evento il plico dovesse perdersi, nessuno vi rimborserà nulla. Dovendo viaggiare alla volta degli Stati uniti, vi suggerisco quindi di scegliere corrieri affidabili.
Fate lo stesso per la spedizione di ritorno, dalla Florida a casa vostra: vi consiglio di affidarvi ai servizi proposti dal sito (di norma è Fedex) che sono tracciati e sicuri.
CGC vi offre la possibilità di acquistare il materiale da imballaggio per far viaggiare in sicurezza i vostri tesori. Non mi sembra il caso di fare shopping di cartoncini e pluriball in America, potete servirvi di cartone rigido molto robusto e pluriball in modo che il fumetto non si pieghi. Il pacchetto ovviamente deve essere sigillato e resistente.

Come si svolge Il processo di valutazione di CGC e quanto tempo occorre per avere il proprio fumetto gradato

Il pacco ricevuto viene aperto e verificato. Gli esperti si assicureranno che il contenuto corrisponda all’oggetto descritto sull’ordine: non barate quindi quando inserite la valutazione stimata. Viene “slegato” dall’identità del proprietario, in modo che nessuno all’interno di CGC possa sapere a chi appartenga. Questo affinché il processo di valutazione sia quanto più imparziale e trasparente possibile.
Una commissione valuta se si tratta di un originale o di una ristampa. Nella sventurata ipotesi che abbiate mandato un’anastatica, i costi CGC (soltanto quelli) vi verranno rimborsati.

A quel punto viene sottoposto al giudizio degli esperti che ne determineranno il grading. I loro criteri sono severissimi. Un 9.8, praticamente il massimo che potreste ottenere, è difficilmente raggiungibile anche da volumi appena stampati. Ogni esperto esprime il suo voto e soltanto quando si arriva ad una decisione unanime il comic viene incapsulato nelle famose teche.
L’etichetta viene fissata alla parte superiore, con il voto e le informazioni indispensabili ai collezionisti. L’etichetta comune ha fondo blu, ma sul sito CGC noterete etichette differenti. Ad esempio, quelle gialle indicano il fumetto autografato dall’autore. Quelle verdi un albo valutato per il suo aspetto estetico ma con una mancanza (un esempio italiano: un Topolino senza il bollino) e così via.
La teca è per sempre, è fatta apposta per non essere aperta.
I tempi che decorrono fra l’invio e la restituzione variano. Tenete presente che noi siamo in Italia e loro in America: c’è un tempo tecnico fra spedizione e dogana di alcuni giorni. Mediamente occorre circa un mese per completare l’intero processo di valutazione, ma questi tempi possono accorciarsi o estendersi al netto di vari fattori: se avete richiesto l’opzione fast track, se il fumetto è molto raro etc etc.

Quanto vale un fumetto con il grading CGC

Sul mercato americano – limitiamoci a quello – un grade di 9.8 può fare tutta la differenza del mondo. Per fare un esempio concreto: un Amazing Spiderman #33 del 1966 (silver age) valutato 9.8 è stato venduto recentemente a circa 9000 dollari. Lo stesso albo ma con valutazione di 9.2 è andato a poco più di 1500. Senza grading e senza nulla…sta in vendita a circa 100 dollari, insieme ad altri centinaia di numeri 33 privi di grading. Quando i fumetti hanno valutazioni sotto il 9 gli umori dei collezionisti si spengono molto facilmente e anche la valutazione economica crolla drasticamente.
spiderman cgc

Conviene fare gradare un fumetto?

La risposta è: dipende.
Quelli destinati al mercato italiano secondo me no. Io non conosco collezionisti che comprano Diabolik o Topolino gradati.
Per i comics americani ha invece un senso. Se dovete venderli in America e se siete in possesso di comics in condizioni veramente belle / da edicola, gradarli può essere utile a fissarne il valore economico. Questo non vale solo per i fumetti rarissimi: nell’esempio precedente avrei potuto scegliere il numero #15 di Amazing Fantasy, quotatissimo per la prima apparizione di Spiderman in America, ma sarebbe passato il messaggio che il grading è vantaggioso solo per i pezzi da museo. Numeri e titoli mediamente collezionabili possono essere impreziositi da un grading di 9.8.
Non commettete l’errore opposto però, ossia di fare gradare qualsiasi cosa pubblicata in America: fumetti comunissimi lasciateli perdere. Siamo anche in Italia, le spedizioni hanno un costo e
I criteri di giudizio sono molto severi.
Ma cosa ancor più importante: se già ad occhio nudo un fumetto non vi sembra perfetto, non perdete tempo e denaro, perché praticamente mai il giudizio degli esperti supererà quello vostro.
La selezione deve quindi essere in primis qualitativa, non è consigliabile inviare materiale palesemente rovinato.
E infine: aldilà di tutto quanto scritto, se il vostro animo di collezionista si avvicina a quello stelle e strisce e avete il piacere di avere i vostri fumetti ordinati e classificati dentro le teche, mandate pure ciò che volete, senza badare al ritorno di investimento sul lungo periodo.

Articoli correlati

Quando metti in piedi siti come questo a volte dai per scontato che tutti sappiano, almeno vagamente, quale sia la differenza fra un fumetto e un libro illustrato o come distinguere un fumetto pubblicato nel...
I 5 miti da sfatare del fumetto da collezione In questi ultimi anni siamo invasi da pubblicità e trasmissioni televisive che ci inculcano l’idea di poter diventare ricchi vendendo oggetti “vecchi” o “vintage”, riemersi da...
Giocattoli vecchi? Non soltanto un ricordo: una breve panoramica sui giocattoli vintage rari e ricercati dai collezionisti che col tempo hanno acquistato valore! Vi ricordate quando da bambini prendevate i vostri giocattoli – masters, gi...