zakimort

Zakimort fumetti: valutazione, numeri rari, vendita e acquisto

19 Luglio 2016

Zakimort: storia dei fumetti neri con protagonista Fedra Garland. La valutazione degli albi più rari e la storia della collana

Zakimort nasce della mente di Pier Carpi, fumettista e scrittore nonché marito di una delle due sorelle Giussani (Luciana) creatrici di Diabolik.
Il fumetto si divide in due serie: la prima, edita fra il 1965 e il 1972, è composta da 91 numeri.
La seconda, dal 1973 al 1974, di appena 24 numeri (fra numeri inediti e numeri che proponevano storie già pubblicate nella prima serie), per un totale di 115 fumetti.
Appartiene al filone dei neri, che sulla scia di Diabolik godettero di alterni successi fra gli anni 60 e 70.
Pur essendo una serie minore rispetto ad altre più blasonate, è oggi discretamente apprezzata dai collezionisti di neri.
La casa editrice è l’editrice Cea, diretta da Gino Sansoni. La collana nella quale viene proposto il personaggio di Zakimort si chiama “Occhio segreto“, con il simbolo dell’occhio ben in evidenza sulla copertina, sopra al prezzo dell’albo. Il costo del singolo albo era fra le 150 e le 200 lire, a seconda dell’anno in cui uscì.
La serie si apre con il primo numero dal titolo La morte Bionda e si chiude con il 24 della seconda serie “Zakimort si arrende“.
Racconta le vicende della bella Fedra Garland, giovane ereditiera che alla morte del padre scopre che il cospicuo patrimonio ereditato era macchiato di sangue. L’ omicidio del padre era diretta conseguenza dei suoi traffici. Ferita e stravolta, assume le sembianze di Zakimort. Indossa una tuta nera che ne cela l’identità, e dedica la vita alla lotta al crimine.
Il fidanzato di Fedra, che ignora la sua doppia identità, è un ispettore di Scotland Yard che la notte da la caccia al suo alter ego Zakimort.


La storia e i colori richiamano a tratti le atmosfere dei fumetti Diabolik. Il fatto che Pier Carpi fosse marito di Luciana Giussani un’influenza pur minima deve averla esercitata. C’erano rapporti parentali anche fra Gino Sansoni e la casa che distribuiva Diabolik, Astorina.

I gadget di Zakimort

Anche Zakimort aveva i suoi allegati e gadget e anche questi sono abbastanza rari. Trattandosi di una collezione più di nicchia, non raggiungono le valutazioni di alcuni allegati di Diabolik, Topolino Libretto o Corno.
I numeri 10, 11, 12 e 13 di Zakimort uscivano con in allegato una cartolina.
I numeri 14, 15, 16 e 17 avevano invece in allegato dei francobolli
raffiguranti i protagonisti del fumetto.

Zakimort, numeri rari

Per qualche motivo che non mi è del tutto chiaro – e l’intervento di qualcuno che ne sa più in proposito sarebbe cosa gradita – i numeri più rari di Zakimort sono quelli della fascia 40, 50 e della fascia 60, in particolare il 45, il 58 e il 59.
Il 45 inoltre ha anche un supplemento, forse il più raro di tutta la serie.
Nella seconda serie, il numero più difficile è l’8. Anche il 10 non è semplicissimo da reperire in condizioni ottime.
Si tratta comunque di una difficoltà molto relativa, infatti su internet fanno entrambi saltuariamente la loro comparsa e vanno via a cifre abbastanza accessibili.

Articoli correlati

La serie di Killing presenta molte analogie con i fumetti neri degli anni 60, ma si discosta da essi per un piccolissimo dettaglio: non è un fumetto bensì un fotoromanzo. La storia quindi non è...
Nino Cannata è l’autore di questo fumetto nero, realizzato qualche anno dopo la nascita di Diabolik e l’introduzione del genere in Italia. Sadik, a differenza di altri epigoni del Re del terrore creati giusto per...
Cosa hanno in comune un fotoromanzo e il maestro Milo Manara? La risposta è nel titolo di questo articolo: Genius. Personaggio che nel 1970, dopo circa quattro anni di gavetta in versione fotoromanzo, diventa fumetto....