Pepito Bottaro ed alpe

Pepito, il fumetto di Luciano Bottaro: storia, trama e caratteristiche

31 Luglio 2023

Nella storia del fumetto italiano, Pepito rappresenta un caso alquanto anomalo: pur essendo italiano, nel nostro paese è praticamente sconosciuto o dimenticato, ma all’estero ha sempre goduto di una vasta popolarità. In questo articolo proveremo a riscoprire la sua storia, a partire da quella del suo autore, Luciano Bottaro.

Pepito, storia editoriale e origini

Creato nel 1951 da Luciano Bottaro, uno dei maestri del fumetto italiano, autore di Whisyky & Gogo, Baldo, Re di Picche e amatissimo anche dai lettori di Topolino, Pepito compare per la prima volta fra le pagine de fumetto Cucciolo, della casa editrice Alpe. A partire dal 1955 ebbe una testata interamente dedicata a lui, sempre grazie allo stesso editore che decise di puntare forte su questo nuovo personaggio.
Il giornalino però restò in edicola appena due anni, perché Bottaro e Carlo Chendi – sceneggiatore di molte di queste storie – preferirono “cederlo” ad altri artisti che non seppero valorizzarlo al meglio.


Nel 1970 fece un fugace ritorno in Italia sul mensile Whisky & Gogo della Cenisio e in due volumi antologici, editi dalla medesima editoriale, dal titolo un mondo di fumetti (1 e 2) che costituiscono una sorta di opera omnia degli autori “comici” della Alpe come Bottaro, Chendi e Rebuffi.
Negli anni 80 viene riproposto ancora, per breve tempo, sugli albi della casa editrice “Bianconi”.

Il successo di Pepito in Francia

Quando il personaggio, almeno in Italia, sembrava sul punto di finire nel dimenticatoio, succede quello che non ti aspetti: l’editore francese Victor Broussard acquista i diritti di Pepito per pubblicarlo nei paesi di transalpini. Il successo fu strepitoso, al punto che egli convinse Luciano Bottaro e Carlo Chendi a riprendere in mano la serie.
Così, mentre in Italia la sua popolarità crollava ai minimi storici, oscurato da nuovi protagonisti come Tiramolla, in Francia nascevano mensili, speciali trimestrali, almanacchi e volumi cartonati.
La sua fama sconfinò oltre l’Europa, venne pubblicato in Canada e nell’Africa francese. Poi anche in altre lingue: spagnolo, greco, tedesco e brasiliano.

Pepito, descrizione del personaggio

La serie deve il nome al capo di una ciurma di pirati, che Bottaro individuò come il protagonista del fumetto. Pepito è furbo, intelligente, astuto ed è alla testa di questa scapestrata banda di bricconi. Caratterialmente mostra un carattere duro e inscalfibile, ma nel suo ruolo si rivela onesto e molto comprensivo, a perdonare, quanto a punire chi ha atteggiamenti prevaricatori. Nel corso delle sue avventure scopriamo la sua indole è buona e pacifica, non nutre sentimenti negativi neppure nei confronti del suo acerrimo nemico Hernandez de la Banana. Costui inizialmente avrebbe dovuto essere il “villain” della serie, un despota egocentrico e ottuso ma anche molto amato dai lettori. Nel corso degli anni ha scalzato il piccolo pirata dal ruolo di protagonista.

Pepito, valutazione del fumetto

Questi giornalini oggi sono dai più dimenticati e purtroppo le nuove generazioni non sembrano vogliose di riscoprirli. La loro vendita è pertanto molto lenta e occasionale, con i pochi nostalgici che hanno già completato la loro collezione. Gli albi editi dalla Alpe negli anni 50 possono comunque avere qualche estimatore, purché siano in ottime condizioni. Parliamo sempre e comunque di quotazioni di pochi euro.

Articoli correlati

Nel panorama dei fumetti italiani del dopoguerra, poche opere possono vantare il prestigio e l’influenza di “Il Grande Blek”. Creato nel lontano 1954 dal collettivo EsseGesse (Capitan Miki, Comandante Mark, Kinowa), questo epico fumetto western...
Fra tutte le collane a fumetti pubblicate negli anni 70, una fra le più iconiche è sicuramente Un uomo un’avventura. L’editore è Cepim, cioè l’odierna casa editrice Bonelli. Se questa collana antologica suscita ancora oggi...
Classici Audacia: panoramica sulla serie a fumetti Una collezione che non può certamente mancare sugli scaffali di un appassionato di fumetti del dopoguerra è quella dei Classici Audacia. Pubblicata da Arnoldo Mondadori nel 1963, non...