jacula fumetto

Jacula fumetto Ediperiodici: valore, prezzo, edizioni e storia

13 Febbraio 2023

Jacula è un fumetto italiano “per adulti”, pubblicato per la prima volta nel 1969. È stato creato da Giorgio Cavedon e Renzo Barbieri e disegnato dallo studio Rosi. Protagonista è una vampira bella e seducente, che pur condividendo diverse peculiarità con gli altri membri della sua razza, non patisce gli effetti mortali della luce solare. Si colloca nel genere horror /nero/ erotico degli anni 70. Il connubio fra “eros e Thanatos” riscosse importanti consensi in quegli anni e le case editrici come Ediperiodici, Edifumetto o SIE, pubblicarono tantissimi titoli: Isabella, Zora La vampira, Lucrezia, Biancaneve, De Sade, Vampirissimo Oltretomba, Messalina, Terror, Iolanda etc etc. La ricetta era praticamente infallibile: fantasmi, mostri, vampiri e belle ragazze. Per circa trenta anni questi fumetti sono andati letteralmente a ruba, di pari passo con i gusti del popolo. Anche il cinema pullulava di Horror / gotici con protagoniste fanciulle poco vestite, basti pensare alle pellicole di Joe D’amato che avevano come priorità l’intrattenimento dello spettatore, a discapito della pellicola più “impegnata”. I film però non occupano spazio nelle case, non quanto una serie di 327 fumetti almeno. Cosa ne resta oggi quindi? Per molti soltanto della carta sopra gli scaffali, per i pochi appassionati rimasti invece…un’altra collana da includere in collezione!

Jacula: storia editoriale del fumetto, inizio e fine

Jacula ediperiodici
Sul finire degli anni 60 l’editore Renzo Barbieri pubblica Isabella, che fa da apripista al genere dei comics neri / erotici. La sua casa editrice si chiamava Editrice 66. Sulle pagine di Isabella compare per la prima volta Jacula: il personaggio ha un buon successo e nel 1969 Barbieri e Giorgio Cavedon, che nel frattempo hanno fondato l’editrice Erregi(l’unione delle loro iniziali, RG), le dedicano un’intera serie. Si compone di un totale di 327 numeri, i primi 30 pubblicati in formato tascabile quando ancora la casa editrice si chiamava Erregi. I successivi come Ediperiodici, senza più Barbieri che nel 1972 fonda la Edifumetto (vi sarà capitato di trovare in cantina o in qualche mercatino questi fumetti dai titoli improbabili, con un piccolo squalo come logo). Dal numero 31 al numero 42 il formato varia provvisoriamente diventando gigante, per poi tornare tascabile. Proprio Edifumetto lancia una ristampa nel 1973, con la serie regolare ancora in corso, in formato doppio (ogni volume contiene due avventure). La serie conta 3 supplementi ai numeri 8, 100, 188. Chiude i battenti nel 1982.

Gadget, allegati e uscite e speciali


Per completezza elenco anche gli inserti che conosco. Se ne conoscete altri scrivetemi che li aggiorno:
– N. 21 lotto di sei cartoline tematiche horror.
– N. 52 poster del personaggio.
– N. 67 cartolina di Lucifera.
– N. 87 manifesto estate.
– N. 93 con Peter Paper n. 0.

Jacula fumetto: valore e prezzo della collezione

Le condizioni comandano nella valutazione di questa serie. Se gli albi presentano abrasioni, usure, copertine staccate, pieghe, la vendita diventa molto complicata se non impossibile. Il costo del singolo albo ha più o meno il valore della lettura (1 euro? 2 euro?), che può diminuire o aumentare in relazione alla sua qualità estetica. Esistono alcuni numeri più rari di altri, stenterei a definirli numeri chiave perché non siamo ai livelli dei chiave dell’uomo ragno (per fare un esempio), ma hanno quotazioni diverse: il numero 1 può essere venduto a circa 15 euro. I primi numeri in generale e la fascia gigante fino al 42, si tende a pagarli qualcosa in più. Come abbiamo visto per quasi tutte le serie a fumetti recensite in questo sito, sono gli ultimi numeri ad essere più ostici da trovare. Parliamo quindi del 325, 326 e 327.
La vendita di questa, così come di altre serie di fumetti erotici presenta però alcune asperità per il privato: da qualche anno la piattaforma Ebay, in larga parte utilizzata dai privati per la vendita dell’usato, li censura. Molto spesso blocca e cancella gli annunci che non ritiene adatti a un pubblico di tutte le età. Per motivi a me incomprensibili, qualche annuncio ogni tanto riesce a sfuggire all’algoritmo, ma resta comunque un’azione contraria al regolamento del sito. Ciò ha causato un calo sulla valutazione economica del genere in senso assoluto, in quanto anche per i commercianti che si servono di Ebay la musica non cambia e non poter utilizzare il sito per questi annunci, li ha privati di un canale online molto utile.

Jacula, biografia e caratteristiche del personaggio

La protagonista è una giovane fanciulla originaria di un paesino della Transilvania, benestante e “per bene”, che diventa una vampira dopo essere stata morsa da un altro vampiro (che come narrativa ci insegna, in quella zona sono comuni quanto i piccioni da noi). Grazie a un espediente magico, la vampira diventa immune alla luce del sole e può tranquillamente godersi la sua vita senza sottostare alle rigide regole dei vampiri. Messa così insomma sembra un buon affare, non fosse altro che nei 327 numeri della serie le capitano avventure e disgrazie in continuazione: incontra l’uomo lupo, la mummia, Gilles de Rais, De Sade, Frankenstein, l’uomo invisibile, Jack lo squartatore, una sequela di mostri e aberrazioni da far passare la voglia di vivere sotto qualsiasi forma. Ad aiutarla c’è però il nobile Carlo Verdier, che oltre ad essere suo complice è anche l’amante.

Opinioni sulla serie

A differenza di altre serie longeve come Zora o Sukia, o ancor peggio di quelle nate sul finire degli anni 70, questa ha mantenuto un certo stile. Senza usare troppi giri di parole, le altre a un certo punto degenerarono in un adulto esplicito, con scene che molto poco lasciavano all’immaginazione (a discapito della trama) e storie sempre più povere di contenuti. La nostra vampira invece ha conservato il suo decoro, senza snaturare le premesse originarie che erano quelle di realizzare un ottimo prodotto horror / nero / erotico.

Vendere o comprare i fumetti di Jacula

Come scritto, in questo caso non è sensato utilizzare Ebay, perché è contrario al regolamento del sito. Potete però servirvi di Catawiki che – pur censurandoli – metterà in vendita i vostri lotti detraendo circa il 15% di commissioni dal valore finale. Potete anche proporli a me, se in ottime condizioni potrei essere personalmente interessato all’acquisto.

Articoli correlati

Fra tutte le collane a fumetti pubblicate negli anni 70, una fra le più iconiche è sicuramente Un uomo un’avventura. L’editore è Cepim, cioè l’odierna casa editrice Bonelli. Se questa collana antologica suscita ancora oggi...
A cavallo fra gli anni 70 e gli anni 80, un gruppo di artisti coraggiosi, eclettici e originali diede avvio a un periodo straordinariamente fertile per la satira italiana. Nacquero testate quali Cannibale, i quaderni...
Nel ventennio compreso fra gli anni 60 e 80, la casa editrice Corno fu assai prolifica in ambito fumettistico. Se per quanto concerne i supereroi il merito principale fu di fatto quello di aver importato...