Gli Snorky Schelich: storia del cartone, valutazione della collezione e curiosità

26 Ottobre 2023

Snorky, simpatici personaggi della Schleich: dalle origini nei fumetti alla collezione giocattoli in pvc

In Italia gli anni ‘80 sono stati caratterizzati da tante serie animate di grande successo, alcune più rilevanti, altre meno risonanti dal punto di vista della popolarità riscontrata. Fra le serie che hanno rallegrato la nostra infanzia e che poi si sono malinconicamente fatte da parte, come non ricordare Gli Snorky, che proprio intorno alla metà del decennio sopracitato arrivano sugli schermi del nostro Paese con un discreto impatto iniziale. Tuttavia, sul lungo periodo, hanno “sofferto” la rivalità con delle celebrità piccole e blu conosciute come Puffi.
Gli Snorky dunque erano dei buffi e simpatici ometti definiti i “cugini di mare” dei Puffi di Peyo proprio perchè vivevano a Snorkylandia, ridente località sommersa chilometri e chilometri sui fondali oceanici. La loro caratteristica principale era un buffo tubicino che spuntava sulla testa, lo snorkel appunto, del quale si servivano per respirare e che emetteva un particolare suono.
Come i puffi sono di matrice francofona, nati in Belgio nel 1982 inizialmente nei fumetti. La Hanna & Barbera li ha poi adattati a cartone animato. Dagli USA sono approdati sugli schermi italiani, come detto, nella seconda metà degli ‘80 ma “solo” però quattro stagioni televisive trasmesse in due blocchi separatamente. Forse proprio per questo l’eco di risonanza di questa serie animata si affievolì ben presto.


Dal punto di vista del merchandising e del giocattolo in particolare, proprio il buon successo riscontrato sulle emittenti americane (la serie Snorks fu trasmessa per almeno cinque anni dal 1984 al 1989) convinse la azienda tedesca Schleich a produrre trenta figures (33 con varianti) nel biennio 1983-84, dei simpatici pupazzetti marini, proponendo i principali personaggi in più versioni.

Snorky, elenco dei personaggi

• Superstellino (Allstar) in ben sette versioni:
snorky superstellino
1. “Normale”
2. “Aquilone”
3. “Musicale”
4. “Tipo da spiaggia”
5. “Footbal americano”
6. “Baseball”
7. “Calcio”

• Bollicina (Casey) in quattro versioni:
snorky bollicina casey
1. “Floreale”
2. “Pizza”
3. “Orsetto Teddy Bear”
4. “Infermiera”

• Frizzina (Daffney) in cinque versioni:
snorky daffne
1. “Jogger”
2. “Frisbee”
3. “Innaffiatoio”
4. “Specchio”
5. “Tennis”

• Lucetto (Dimmy) in quattro versioni:
snorky Lucetto
1. “Dottore”
2. “Gelato”
3. “Bagnetto”
4. “Rollerskater”

• Ricciolo (Tooter) in quattro versioni:
snorky ricciolo
1. “Escursionista”
2. “Corno”
3. “Sommozzatore”
4. “Poeta”

Oltre ai personaggi “chiave” del cartoon, furono prodotte altre figures de:
1. Dr. Galileone (Dr. Galeo)
2. Ciuffino (Junior)
3. Ziffino (Willie)
4. Grande Glu Glu (capo di Snorkylandia, figure di circa 10 cm)
5. Jo-Jo (molto particolare, di colore marrone e con la caratteristica di essere l’unico Snorky ad avere due snorkel sul capo)
6. Spike (il mostro mangia Snorky)

Snorky, valore della collezione e pezzi più rari

Le figures sono realizzate in pvc e misurano un altezza media di circa 8 centimetri. Non hanno prezzi esorbitanti e si riescono a recuperare abbastanza agevolmente ancora oggi sul mercato del giocattolo vintage.
Dal punto di vista collezionistico, il valore di una singola figure degli Snorky può oscillare dai 3 ai 7 euro al dettaglio. In lotto riuscirete a comprarli anche a meno. Poi ovviamente qualcuno in particolare può avere costi maggiori risultando un pò più raro e difficile da reperire, ad es. Jo-Jo oppure le varianti Snorky con fischietto, che suonano.
In definitiva stiamo parlando di una collezione abbastanza abbordabile e molto simpatica da cominciare, soprattutto perché è breve e non impossibile da finire. Una trentina circa di figures in pvc più qualche altro personaggio speciale. Ilprezzo di mercato è alla portata di tutti e nelle vostre bacheche a tema “Schleich” farà sicuramente una splendida figura

Articoli correlati

Fumetti e rarità degli anni 90: 10 pezzi moderni che oggi hanno una quotazione elevata rispetto a quando uscirono in edicola! In questo sito scrivo quasi sempre di fumetti rari, d’antiquariato o anteguerra, ma anche...
Dopo l’articolo sui giocattoli maschili anni 80 e 90 è arrivato il momento di occuparsi di giocattoli femminili e più nello specifico di bambole e bambolotti. Il periodo del nostro interesse è sempre il ventennio...
Il 2 novembre del 1986 esce il secondo numero di Dylan Dog, dal titolo “Jack lo squartatore”. La sceneggiatura è ovviamente di Tiziano Sclavi, creatore dell’indagatore dell’incubo, che aveva già sceneggiato “L’alba dei morti viventi”....