blake e mortimer fumetto

Blake e Mortimer: autore, personaggi e storia editoriale del fumetto

11 Giugno 2023

Blake e Mortimer: l’autore E.P. Jacobs

Edgar Pierre Jacobs, cantante d’opera di Bruxelles non privo di talento, la cui carriera viene interrotta dallo scoppio della seconda guerra mondiale, si reinventa, negli anni dell’occupazione nazista, disegnatore di fumetti avventurosi a sfondo fantastico o fantascientifico: tra questi spicca Flash Gordon, da lui ripreso nel 1942 sulla rivista “Bravo!” dopo che gli arrivi delle strisce americane, per ovvi motivi, vengono a mancare. Il buon risultato ottenuto col celebre personaggio americano gli consente di realizzare nel 1943 una sua storia, “Il raggio U”, ispirata a “Il mondo perduto” di Conan Doyle, e il successo che questa ottiene, nonostante i tempi difficili, dà il via ad una collaborazione triennale col famoso Hergé, creatore di Tintin e già allora ritenuto il più grande fumettista belga in attività. Lavorando stavolta per l’importante quotidiano “Le Soir”, Jacobs aiuta Hergé sia a ridisegnare le prime storie di Tintin (il cui disegno originale, oltre a non essere a colori, era ancora molto approssimativo) che a mettere a punto trame dal forte contenuto fantastico, tra le quali la celeberrima “Le sette sfere di cristallo”, da molti ritenuta la migliore storia della serie.
Alla fine del 1946 la collaborazione tra i due autori si interrompe; c’è chi pensa che Jacobs abbia chiesto (e non ottenuto) di comparire come co-autore delle storie di Tintin, e chi ritiene semplicemente che l’ex cantante d’opera, ormai sicuro delle proprie capacità, abbia deciso di dedicarsi alle sue opere piuttosto che a quelle altrui. Nasce così, ottenendo da subito un’accoglienza entusiasta da parte di critici e lettori, la serie intitolata “Blake e Mortimer” – i nomi dei due protagonisti – della quale appariranno sulla rivista “Tintin”, tra il 1947 e il 1972, otto storie avventurose a sfondo fantascientifico che diventeranno uno dei capolavori del fumetto mondiale. Tale, almeno, è la considerazione che di questa serie si ha nei paesi francofoni, e che ha portato – evento non insolito ma neanche così comune – a una sua ripresa dopo la morte di Jacobs, avvenuta nel 1987 senza che l’ultima storia fosse portata a termine (almeno nei disegni, essendo da tempo pronta la sceneggiatura).

Blake e Mortimer: personaggi e trama

blake e mortimer personaggi e trama
I due protagonisti, lo scienziato Philip Mortimer e il suo amico Francis Blake, importante esponente dei servizi segreti britannici, si scoprono alleati nel corso della prima avventura, “Il segreto dell’Espadon”, che narra di una terza guerra mondiale scatenata dai tibetani (all’epoca ancora semisconosciuti al mondo occidentale e per questo più credibili come “pericolo giallo” rispetto ai troppo arretrati cinesi) per mezzo di armi molto avanzate, praticamente le stesse che i nazisti non avevano fatto in tempo a sviluppare: bombe atomiche, missili, aerei a reazione. Il mondo sarà salvato dall’impero britannico, capace, grazie al genio del professor Mortimer, di mettere a punto un’arma ancora più micidiale (l’Espadon del titolo, un aereo avveniristico a propulsione nucleare) per mezzo della quale i tibetani saranno annientati. Nel corso dell’avventura fa la sua comparsa il colonnello Olrik, un “rinnegato” europeo (forse ungherese) al servizio dei tibetani, e che diventerà la nemesi dei due protagonisti comparendo in quasi tutte le storie successive sino all’ultima, quella lasciata incompiuta da Jacobs, alla fine della quale troverà la morte.
Ad oggi la serie viene ancora pubblicata, con un successo immutato, e l’avvicendarsi di diversi autori sia ai testi che ai disegni consente una nuova uscita quasi ogni anno; tutte le nuove storie sono ambientate nello stesso periodo di quelle originali, che si erano sviluppate praticamente in tempo reale tra gli anni ’50 e ’60. Quasi tutte le storie, dopo “Il segreto dell’Espadon”, narrano di scoperte più o meno fantastiche o fantascientifiche, e dei tentativi di Olrik di utilizzarle a scopi non propriamente benefici; ogni volta Blake e Mortimer, non prima di molti colpi di scena e capovolgimenti di fronte, riescono a sventare i suoi piani, anche se ogni volta il loro arcinemico gli sfugge, pronto per nuove avventure e nuove nefandezze. Come già si era accennato, la serie è diventata leggendaria nei paesi francofoni, nei quali ha segnato profondamente il cosiddetto “immaginario collettivo” negli anni ’50, arrivando a vendere quasi un milione di copie per ogni albo realizzato da Jacobs o dai suoi successori; da noi, complice anche una storia editoriale un po’ travagliata e tutt’altro che accurata, fama e successo sono sempre stati un po’ scarsi, e solo pochi appassionati possono vantarne una conoscenza davvero profonda. Tra questi va annoverato senz’altro il noto esperto di fumetti Andrea Sani, autore dell’ottimo saggio “Blake e Mortimer. Il realismo fantastico della linea chiara. Scienza, fantascienza e filosofia nella saga a fumetti creata da E. P. Jacobs”, ad oggi la migliore analisi critica della serie scritta da un autore italiano.

Blake & Mortimer in Francia


Pubblicata da Lombard in Belgio e da Dargaud in Francia, la serie annovera, ad oggi, 22 storie ripartite su 29 albi (la data riportata è quella della pubblicazione in albo, ma quasi tutte sono apparse per la prima volta, divise in puntate, su qualche rivista, in genere uno o due anni prima per quelle di Jacobs, qualche mese prima per le successive):
Le Secret de l’Espadon 1: La poursuite fantastique (1950)
Le Secret de l’Espadon 2: L’évasion de Mortimer (1950-1953) 1
Le Secret de l’Espadon 3: SX1 contre attaque (1953) 1
Le Mystère de la Grande Pyramide 1: Le papyrus de Manethon (1954)
Le Mystère de la Grande Pyramide 2: La chambre d’Horus (1955)
La Marque jaune (1956)
L’Énigme de l’Atlantide (1957)
S.O.S. Météores (Mortimer à Paris) (1959)
Le Piège diabolique (1962)
L’Affaire du collier (1967)
Les 3 Formules du professeur Satō 1: Mortimer à Tokyō (1977)
Les 3 Formules du professeur Satō 2: Mortimer contre Mortimer (1990) (disegno di De Moor)
L’affaire Francis Blake (1996) (Van Hamme/Benoit)
La Machination Voronov (2000) (Sente/Juillard)
L’Étrange Rendez-vous (2001) (Van Hamme/Benoit)
Les Sarcophages du 6e continent 1: La menace universelle (2003) (Sente/Juillard)
Les Sarcophages du 6e continent 2: La Le duel des esprits (2004) (Sente/Juillard)
Le Sanctuaire du Gondwana (2008) (Sente/Juillard)
La malédiction des trente deniers 1: Le manuscrit de Nicodemus (2009) (Van Hamme/Sterne)
La malédiction des trente deniers 2: La porte d’Orphée (2010) (Van Hamme/Aubin)
Le serment des cinq lords (2012) (Sente/Juillard)
L’onde Septimus (2013) (Dufaux/Aubin)
Le bâton de Plutarque (2014) (Sente/Aubin)
Le Testament de William S. (2016) (Sente/Aubin)
La vallée des immortels 1: Menace sur Hong Kong (2018) (Sente/Van Dongen)
La vallée des immortels 2: Le millième bras du Mékong (2019) (Sente/Van Dongen)
Le cri du Moloch (2020) (Dufaux/Calleaux)
Le dernier Espadon (2021) (Van Hamme/Van Dongen)
Huit heures à Berlin (2022) (Fromental/Aubin)

Blake&Mortimer, storia editoriale in Italia

in Italia la serie ha conosciuto quattro periodi distinti, volendo limitarsi alla pubblicazione in albo (va comunque ricordato che la prima apparizione italiana dei personaggi risale agli anni 1955-1956 quando l’editore Vallardi lanciò, con scarso successo, una rivista che voleva essere l’edizione italiana di “Tintin” e tra le storie pubblicate, a puntate, face comparire anche “Il marchio giallo”, forse la migliore della serie):

Blake e Mortimer collana Classici Audacia, editore Mondadori

blake e mortimer classici audacia
Come molti sanno, questa collana rappresenta il primo tentativo da parte di un editore italiano di pubblicare sistematicamente le migliori storie avventurose del fumetto di scuola franco-belga, purtroppo in albi brossurati di bassa qualità (anche se di grande successo). Ne escono ben 63 in soli quattro anni, dal dicembre 1963 al dicembre 1967, dopo di che tutti i personaggi pubblicati, tra i quali Dan Cooper, Ric Roland e Michel Vaillant passeranno sulle pagine del Corriere dei Piccoli, con la notevole eccezione di Blake e Mortimer, forse perché ritenuti più adatti a un pubblico di adolescenti. Solo dopo la chiusura della rivista, nel 1976, ricompariranno nelle fumetterie in una nuova edizione.
Numero 8, luglio 1964: Il mistero della grande Piramide
Numero 9, agosto 1964: Il mistero della grande Piramide – La camera di Horus
Numero 12, novembre 1964: S.O.S. meteore
Numero 15, febbraio 1965: Il marchio giallo
Numero 24, novembre 1965: La trappola diabolica
Numero 35, ottobre 1966: I sotterranei di Parigi
Numero 39, 16/1/1967: L’enigma dell’Atlantide

Non furono pubblicate né la prima storia, “Il segreto dell’Espadon”, né l’ultima, “Le tre formule del professor Sato”, alla quale Jacobs aveva da poco iniziato a lavorare.

Editore Gandus

Gandus a partire dal 1978 pubblica, stavolta in albi di buona qualità, sia brossurati che cartonati, le prime quattro storie.
1978: Il segreto dell’Espadon – l’inseguimento fantastico
1978: Il segreto dell’Espadon – SX1: contrattacco
1978: Il mistero della grande Piramide – il papiro di Manetone
1978: Il mistero della grande Piramide – la camera di Horus
1980: Il marchio giallo
1983: L’enigma di Atlantide

Editore Comic Art

blake e mortimer comic art
Dal 1986 pubblica la serie nella collana “Grandi Eroi”, con albi sia brossurati che cartonati, iniziando da quelli tralasciati da Gandus (poi ristampati nel 1988); negli anni ‘90 pubblicherà anche, per la prima volta in Italia, le nuove storie della serie.
Numero 4, luglio 1986: La diabolica trappola
Numero 8, dicembre 1986: Il caso della collana
Numero 10bis, febbraio 1987: Le tre formule del professor Sato
Numero 13, maggio 1987: S.O.S meteore
Numero 21, febbraio 1988: L’enigma di Atlantide
Numero 23, aprile 1988: Il marchio giallo
Numero 24, maggio 1988: Il segreto dell’Espadon – Il fantastico inseguimento
Numero 25, giugno 1988: Il segreto dell’Espadon – L’evasione di Mortimer
Numero 26, luglio 1988: Il segreto dell’Espadon – SX1: contrattacco
Numero 27, agosto 1988: Il mistero dalla Grande Piramide – Il papiro di Manethon
Numero 28, settembre 1988: Il mistero dalla Grande Piramide – La camera di Horus
1990: Le tre formule del professor Sato – Mortimer contro Mortimer
1996: L’affare Francis Blake

Alessandro Editore

blake mortimer AE alessandro distribuzioni
dal 2000 continua a pubblicare le nuove storie, a poche settimane di distanza dalla loro uscita nei paesi francofoni, ristampando contemporaneamente tutte quelle uscite in precedenza. Questo ne fa la sola edizione italiana completa della serie, oltre a quella di migliore qualità (solo albi cartonati e in formato più grande rispetto alle precedenti edizioni).
2000: La macchinazione Voronov
2000: Il mistero della grande Piramide – Il papiro di Manethon
2000: Il mistero della grande Piramide – La camera di Horus
2001: Il marchio giallo
2001: Lo strano appuntamento
2002: L’enigma di Atlantide
2002: Il caso del collier
2003: S.O.S Meteore
2003: La trappola diabolica
2003: I sarcofagi del sesto continente – La minaccia universale
2004: Le tre formule del professor Sato – Mortimer a Tokyo
2004: Le tre formule del professor Sato – Mortimer contro Mortimer
2004: I sarcofagi del sesto continente – Il duello degli spiriti
2005: Il caso Francis Blake
2006: Il segreto dell’Espadon – L’incredibile inseguimento
2006: Il segreto dell’Espadon – L’evasione di Mortimer
2006: Il segreto dell’Espadon – SX-1 al contrattacco
2008: Il santuario di Gondwana
2009: La maledizione dei 30 denari – Il manoscritto di Nicodemus
2010: La maledizione dei 30 denari – La porta di Orfeo
2012: Il giuramento dei cinque Lord
2013: L’onda Septimus
2014: Il bastone di Plutarco
2017: Il testamento di William S
2018: La valle degli immortali – Minaccia su Hong Kong
2019: La valle degli immortali – Il millesimo braccio del Mekong
2020: L’urlo del Moloch
2021: L’ultimo Espadon
2022: Otto ore a Berlino

Le ristampe Blake & Mortimer della gazzetta dello sport

Va infine segnalato che negli anni 2015-2016 la Gazzetta dello Sport, che da diversi anni a questa parte sta ripubblicando le principali serie avventurose, integrali, dei fumetti di scuola franco-belga (fra cui Blueberry, Buck Danny, Tanguy e Laverdure, Michel Vaillant, Bernard Prince, Ric Roland, Luc Orient e molte altre) ha proposto in una nuova edizione tutte le storie di Blake e Mortimer uscite sino ad allora, quindi le prime 17 sino a “Il bastone di Plutarco”, per un totale di 23 volumi.
Per i “completisti” interessati anche a “Il raggio U” (storia che molti considerano quasi un prequel della serie), pubblicato in albo solo nel 1974, questa storia è stata proposta in Italia dapprima da Comic Art (1987), poi da Alessandro (2005 e 2023) e infine dalla Gazzetta dello Sport (2016).

Articoli correlati

Nel panorama dei fumetti italiani del dopoguerra, poche opere possono vantare il prestigio e l’influenza di “Il Grande Blek”. Creato nel lontano 1954 dal collettivo EsseGesse (Capitan Miki, Comandante Mark, Kinowa), questo epico fumetto western...
Fra tutte le collane a fumetti pubblicate negli anni 70, una fra le più iconiche è sicuramente Un uomo un’avventura. L’editore è Cepim, cioè l’odierna casa editrice Bonelli. Se questa collana antologica suscita ancora oggi...
Classici Audacia: panoramica sulla serie a fumetti Una collezione che non può certamente mancare sugli scaffali di un appassionato di fumetti del dopoguerra è quella dei Classici Audacia. Pubblicata da Arnoldo Mondadori nel 1963, non...