Pupazzi ledra ladraplastic in gomma anni 60: valutazione, storia e pezzi rari marchiati elefantino

I pupazzi Ledra Ledraplastic hanno rappresentato per un’intera generazione di bambini cresciuti fra gli anni 60 e i primi anni 80, l’emblema stesso del giocattolo. Ancora oggi, in un periodo storico in cui il giocattolo sta subendo una profonda mutazione, molti bambini nell’epoca di gormiti e videogiochi non possono resistere al magico richiamo di questi splendidi pupazzi di gomma (attenzione: in realtà, almeno per quanto riguarda la ledra, il materiale di cui sono fatti è il vinile) dai colori sgargianti e dagli stampi realizzati con sopraffina precisione. Certamente i bambini di oggi non riusciranno ad acquistarli nei comuni negozi di giocattoli, ma forse proprio per questo quando dal vecchio baule della nonna o dalla soffitta usciranno fuori le orecchie di un topolino Ledra o il becco arancione di un paperino, la meraviglia (e forse anche un po’ di commozione, almeno per gli adulti che ci giocavano quando erano piccoli) sarà ancora più grande.

La Ledraplstic è un’azienda italiana fondata nel 1963 a Osoppo, piccolo paese friulano in provincia di Udine. L’azienda è ancora oggi attiva nella fabbricazione di giocattoli per bambini, prodotti per il fitness e la bellezza ma essendo mutato il target odierno e visto lo stravolgimento dei tempi, scordatevi di poter acquistare pupazzi in vinile come quelli di una volta.
Il marchio Ledra si è imposto praticamente fin da subito sul mercato italiano e internazionale, al punto che la Walt Disney ha concesso alla Ledraplstic i diritti per la produzione di pupazzi vinilici raffiguranti i propri personaggi. La produzione Disney Ledra è quindi molto rinomata e ancora oggi ricercata da tanti collezionisti di pupazzi di gomma o vinile.
I pupazzi Ledra in vinile si caratterizzano per la definizione dei dettagli, la morbidezza, la flessibilità e i colori che a distanza di anni – ovviamente quando il pupazzo è stato ben conservato – restano vivi e accesi.
Sono inoltre dotati di un fischietto che suona quando il personaggio viene schiacciato, ma la caratteristica che rende unici e perfettamente distinguibili i Ledra da tutti gli altri pupazzi di quel periodo, è la presenza dell’elefante dietro la nuca. Il marchio elefantino può essere accompagnato dalla scritta Walt Disney, nel caso in cui il personaggio sia Disney, oppure made in Italy, o ancora può non esservi nulla, purché sia presente l’elefantino.

Pupazzi Ledra, quante serie esistono e quali sono

La produzione dei pupazzi Ledrplastic è molto vasta, e escludendo i personaggi Disney di cui parleremo a breve, esistono diverse serie – principalmente composte da animali o bambini – di dimensioni svariate. La Ledra infatti era solita produrre una stessa figura in più dimensioni, per questo motivo esistono pupazzi identici in tutto e per tutto ma che differiscono nella grandezza. Fra le serie più celebri Ledra ricordiamo:
serie zodiaco (Composta da 3 animali).
La serie degli allegri orchestrali (animali con strumenti musicali).
Serie Caravan (Animali da fattoria: pecora, maiale, asino e mucca).
Serie zoo (composta da animali e a sua volta suddivisa in zoo gigante, zoo media, zoo domestici, zoo piccolo).
Serie Antares, Athena e Zenith, infanzia, saturno (Bambini piccoli e neonati).
Serie cappuccetto rosso (cappuccetto rosso, la nonna e il lupo cattivo vestito da nonna)

Ledra Disney

La Ledraplastic ha prodotto Svariati personaggi Disney di pregevole fattura. Oltre ai classici dei fumetti, ossia Topolino, Pippo, Paperino, Zio Paperone, Qui, Quo e Qua, Pluto, Jose’Carioca nei più svariati formati, esistono le serie relative ai lungometraggi Disney.
Le elencherò qui di seguito:

Biancaneve e i sette nani, con Biancaneve e i sette nanetti in formato piccolo e grande.
Cenerentola, che include solamente i due topini Gas Gas e Jack
Pinocchio, con Pinocchi di tutte le dimensioni e design, incluso un Pinocchio fascista, più Pinocchietta e il grillo parlante piccolo e grande.
La spada nella roccia, con Mago Merlino (anche questo in tre differenti versioni), Anacleto (in tre differenti colorazioni) Maga Magò e Semola.
Bambi, con Bambi e Tippete il coniglietto.
Robin Hood, con Robin Hood e Lady Marian.
Il libro della giungla che include Mowgli, L’orso Baloo, Bagheera la pantera nera, e il colonnello Hathi
Gli aristogatti, con i 3 gattini
Lilli e il Vagabondo composta da Lilli e il Vagabondo.
La carica dei 101, per la quale oltre ai dalmata Pongo e Peggy sono state prodotte delle simpatiche Abat Jour formato Dalmata

Non pertinente ai lungometraggi bensì alle Silly Simphony c’è anche la serie del lupo cattivo e dei tre porcellini, composta dai 3 porcellini, Ezechiele e da Lupetto.

Pupazzi Ledra, valore

Dopo questo articolo probabilmente molti di voi saranno già corsi in cantina alla ricerca di un Anacleto o un Pinocchio nel baule bramosi di venderlo. Qualcun’altro invece, ci auguriamo la maggioranza, magari avrà ricordato i giocattoli della propria infanzia e si starà ora chiedendo quale sia la cifra giusta da spendere per riavere il Pluto con cui giocava da piccolo.
Come per tanti altri articoli che spero avrete modo di leggere in questo sito, preferisco non fornire stime in euro per il semplice fatto che queste mutano ogni mese (quasi sempre al ribasso) e che quindi nel giro di un anno il “borsino” delle quotazioni sarebbe già da rifare. Inoltre, pubblicare un listino prezzi del genere probabilmente mi esporrebbe a un odio totale da tutti i fronti, sia da parte dei collezionisti (“Ma guarda questo, ma davvero pensa che un pupazzo di topolino valga così tanto? Ma perché non se lo compra lui a quella cifra!”)sia da quello dei venditori (“Cosa? Il mio Topolino vale così poco? Ma perché non si va a comprare le caramelle con quei soldi!”).

Mi limiterò pertanto a segnalare i pezzi più interessanti e quelli meno comuni.
Fra i più interessanti sicuramente troviamo tutti i pupazzi legati ai lungometraggi Disney (anche se quelli di Biancaneve, gli aristogatti e Lilli e il Vagabondo sono i più comuni).
Molto comuni sono invece i Pinocchio Ledra, anche se alcuni, come Pinocchietta e il Pinocchio fascista, sono abbastanza ostici da trovare.
Un pupazzo che viene considerato da tutti come veramente raro, se non il più raro – anche se la mia personalissima opinione è che vi siano pezzi più ostici – è il piccolo pugile bambino ispirato a Primo Carnera.